Archivi tag: Ungaretti

Come foglie…..

COME LE FOGLIE  (di Mimnermo)

 Al modo delle foglie che nel tempo

fiorito della primavera nascono

e ai raggi del sole rapide crescono,

noi simili a quelle per un attimo

abbiamo diletto del fiore dell’età,

ignorando il bene e il male per dono dei Celesti.

Ma le nere dèe ci stanno a fianco,

l’una con il segno della grave vecchiaia

e l’altra della morte. Fulmineo

precipita il frutto di giovinezza,

come la luce d’un giorno sulla terra.

E quando il suo tempo è dileguato

è meglio la morte che la vita.

Traduzione di Salvatore Quasimodo

(da Lirici greci)

La visione del poeta Minmerno, riprende ed amplifica un passo dell’Iliade, in cui Omero fa il paragone dell’uomo con le foglie autunnali che il vento con facilità strappa dal ramo dell’albero della vita.

E’ questa una visione molto pessimista della vita dell’uomo, la psychè è considerata solo un vuoto fantasma. L’orfismo non ha ancora preso piede nella cultura del tempo e la grande visione Platonica di un uomo a due dimensioni è ancora lontana.

Ma la struggente bellezza dei versi ha influenzato anche i poeti moderni.

Uno tra tutti Ungaretti, che riprende in toto il tema omerico, anche lui in guerra urla sulla carta un grido lacerante di dolore.

SOLDATI

Si sta come

d’autunno

sugli alberi

le foglie

Giuseppe Ungaretti

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized